Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Accrocchista L'avatar di iui
    Data Registrazione
    Feb 2002
    Località
    roma e dintorni
    Età
    40
    Messaggi
    6,327
    Auto
    vw golf III 1.6
    Moto
    triciclo 2 pedali

    economia del prezzo della benzina..

    rimettendo in ordine i miei libri ho ritrovato quello di economia (l'esame che mi ha fatto più schifo studiando ingegneria)... sfogliandolo ho trovato questo esempio:
    il prezzo della benzina durante la guerra del golfo
    nell'estate del 1990 l'iraq invase il kuwait. come risposta a questa azione di guerra, le nazioni unite imposero l'embargo sulle importazioni di petrolio dall'iraq. immediatamente dopo l'embargo fu annunciato l'improvviso aumento del prezzo del petrolio sui mercati mondiali. allo stesso tempo aumentò il prezzo della benzina nei distributori degli stati uniti. questo fatto indusse molti a lamentarsi dei "profittatori della guerra" e riempì i telegiornali di servizi sull'industria petrolifera
    coloro che pensavano che l'aumento del prezzo della benzina fosse ingiustificato sostenevano che ci sarebbero volute almeno 6 settimane prima che il petrolio acquistato al nuovo prezzo (più alto) raggiungesse le raffinerie degli stati uniti e fosse trasformato in benzina. le società petrolifere, sostenevano, avrebbero realizzato profitti "eccessivi" aumentando il prezzo della benzina che era stata prodotta impiegando petrolio più a buon mercato.
    proviamo a considerare da economisti questo ragionamento. supponiamo di possedere un'attività -per esempio una cisterna di benzina- il cui valore corrente è di 1$ al gallone. sappiamo che tra 6 settimane il suo valore sarà di 1.50$ al gallone. a quale prezzo saremmo disposti a venderla ora? certamente saremmo folli a venderla per molto meno di 1.50$ al gallone: per qualsiasi prezzo molto inferiore ci converrebbe lasciare la benzina nella cisterna per 6 settimane. ... il prezzo (opportunamente scontato) della benzina di domani deve essere uguale al prezzo della benzina di oggi, se vogliamo che le imprese forniscano benzina oggi.
    ciò è perfettamente sensato dal punto di vista del benessere sociale: se la benzina sarà più costosa nel prossimo futuro, non sarebbe sensato consumarne di meno oggi? l'aumento del prezzo incoraggia immediate misure di conservazione delle risorse e riflette il reale prezzo di scarsità della benzina.
    per ironia della sorte, lo stesso fenomeno si verificò in russia due anni più tardi. durante la transizione all'economia di mercato, in russia il petrolio veniva venduto a 3$ al barile, mentre nel resto del mondo il prezzo era di 19$ al barile. i produtori di petroli previdero che il prezzo sarebbe ben presto salito, e quindi tentarono di trattenere quanto più possibile dalle forniture correnti. come disse un petroliere russo: "avete mai visto a new york qualcuno che vende un dollaro per 10 centesimi?" di conseguenza i consumatori russi dovettero mettersi in coda davanti alle pompe di benzina
    autore Hal R. Varian, titolo Microeconomia, editore Cafoscarina...


    ora la parola a chi capisce di economia.....
    E voi, massa di pecoroni invigliacchiti, sempre pronti a inginocchiarvi, a chinare la testa davanti ai potenti! Adesso inginocchiatevi, e chinate la testa davanti a uno che la testa non l’ha chinata mai, se non davanti a questo strummolo qua! Inginocchiatevi, forza! E fatevi il segno della croce! E ricordatevi che pure Nostro Signore Gesù Cristo è morto da infame, sul patibolo, che è diventato poi il simbolo della redenzione! Inginocchiatevi, tutti quanti! E segnatevi, avanti! E adesso pure io posso perdonare a chi mi ha fatto male. In primis, al Papa, che si crede il padrone del Cielo. In secundis, a Napulione, che si crede il padrone della Terra. E per ultimo al boia, qua, che si crede il padrone della Morte. Ma soprattutto, posso perdonare a voi, figli miei, che non siete padroni di un cazzo! E adesso, boia, mandami pure all’altro mondo, da quel Dio Onnipotente, Lui sì padrone del Cielo e della Terra, al quale - al posto dell’altra guancia - io porgo...tutta la capoccia!

  2. #2
    - COMITATO TUNING - L'avatar di Mao16v
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Grosseto
    Età
    34
    Messaggi
    733
    Auto
    Skoda Fabia 1.4 16v

    Re: economia del prezzo della benzina..

    Non ci capisco na mazza d'economy, ma il senso s'è capito eccome!

    Ci stiamo facendo (sempre più) male da soli

  3. #3
    Banned L'avatar di AureliaSS1
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Latronico (PZ)
    Età
    39
    Messaggi
    1,706
    Auto
    Croma 94 TurboGVID
    Moto
    ATV Aeon 125 Tuning

    Re: economia del prezzo della benzina..

    economia sale quando viene la guerra,terremoto,maremoto,uragani e altri cazzate varie nel mondo

  4. #4
    Principiante L'avatar di sand-man
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Località
    Venezia, in acqua..
    Età
    39
    Messaggi
    40
    Auto
    Bmw E36 320i ///M

    Re: economia del prezzo della benzina..

    Sto studiando economia..

    il buon vecchio Varian..

    Il senso è che se si prevede a breve termine una salita brusca del prezzo del petrolio sui mercati mondiali tutti i produttori di petrolio in teoria avranno la tendenza ad accumulare piu' scorte possibile di petrolio prodotto al prezzo attuale (piu' basso), per poi rivenderle quando il prezzo del petrolio sarà schizzato alle stelle...
    se tutti i produttori lo facessero nessuno venderebbe piu' benzina fino al giorno della risalita dei prezzi del petrolio, e nessun consumatore potrebbe piu' rifornirsi di benzina... quindi da un punto di vista di economia politica è meglio che i prezzi salgano subito... altrimenti tutti a piedi!

    In pratica il consumatore è quello che lo piglia sempre la dietro

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •