annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Riding a dream

Comprimi
Questa discussione chiusa.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Riding a dream

    Loris Capirossi conquista la prima gara a cavallo della Ducati Desmo 16.
    E' un impresa epica, in una gara splendida, con Valentino Rossi che sbaglia per attaccare e difendersi dalla rossa e che compie un magistrale recupero dal sesto al secondo posto.

    Un impresa epica, che apre nuove speranza per il motociclismo Italiano. Era dal 1976 che un motociclista Italiano non vinceva su una moto Italiana! Dopo solo sei gare dal debutto, la Desmo 16 si rivela vincente e competitiva.

    Ovviamente, oggi, sono venuto in ufficio anche io cavalcando il sogno.

    Completa la giornata la doppietta di Hodgson in SBK su Ducati 999!

    Grazie Ducati! Grazie Loris! Che sia la prima di una lunga serie!





    Da "La Repubblica" e ducati.it

    Al Montmel, vince la Ducati di Loris. Cade Biaggi
    "Vale" va dritto, resta in gara e risale fino al secondo posto
    Capirossi, primo trionfo; Rossi, rimonta straordinaria
    Vittorie di De Puniet (250) e Pedrosa (125)


    MONTMELO' (BARCELLONA) - Primo trionfo per la Ducati di Loris Capirossi nelle moto Gp. Finalmente il pilota di Castel San Pietro va sul gradino pi alto del podio. Da 27 anni, un "centauro" italiano non vinceva su una moto italiana. L'ultimo era stato Giacomo Agostini sulla Mv al Nurburgring il 27 agosto del 1976.

    Per raggiungere il successo Capirossi deve approfittare di un "dritto" di Valentino Rossi che, come al solito, sembrava dominare. Finisce con un Rossi straordinario in rimonta che conquista un incredibile secondo posto. Terzo Gibernau. Fuori Biaggi. Nelle altre classi vincono il francese Randy De Puniet (250) e lo spagnolo Daniel Pedrosa (125). Male gli altri italiani.

    Moto Gp. Sembra la solita gara col solito trionfo del giovanissimo "dottore". E anche col solito trio: Rossi, Capirossi e Biaggi subito in fuga. E, come il solito, la Ducati tiene meglio le ruote di Rossi di quanto riesca a fare Biaggi.

    Tutto fino a otto giri dalla fine: Capirossi passa davanti e Rossi, tentando di riprenderlo, sbaglia una staccata e va dritto. La Honda resta in piedi e Valentino riprende quando Biaggi, Gibernau e altri sono gi passati.

    Comincia cos il grande volo di Capirossi verso il primo trionfo della Ducati e comincia anche la straordinaria impresa di Rossi. Valentino riparte al doppio degli altri. Prende Nakano, supera Barros, si beve Biaggi e infila Gibernau: tutto in un giro. Poi prova anche ad attaccare Capirossi che, ormai lontano. Alla fine i due festeggiano insieme.

    Quanto alla classifica mondiale Rossi consolida il suo primato, Biaggi cede a Gibernau il secondo posto, mentre Capirossi risale dal settimo al quarto.

    Nel dopogara, Capirossi non sta nella pelle: "Non ho parole, stata
    fantastica. Prima ho lottato con Rossi, poi, quando Valentino caduto, ho dato tutto quello che potevo per vincere. Grazie al team per questa giornata". Anche Valentino, in fondo, contento. Ha dimostrato che pu perdere, ma anche dimostrato di essere il pi forte con la rimonta che ha avuto momenti incredibili. E poi, alla fine, ha vinto Capirossi: un amico: "Faceva troppo caldo - racconta Rossi - Sono andato davanti, ma Loris venuto via con me. Poi ho fatto un piccolo errore e lui mi ha passato; ne ho fatto uno pi grosso e sono andato dritto. Fortuna che sono rimasto in piedi. Bravo Capirossi, comunque".

    Brutta caduta per il giapponese Yanagawa in partenza. Il dottor Costa (responsabile della clinica mobile che segue i gran premi) gli riscontra un trauma toracico e lo manda all'ospedale per accertamenti.

    Ordine d'arrivo delle Moto Gp
    1) Loris Capirossi (Ita/Ducati) 44'21.758
    2) Valentino Rossi (Ita/Honda) a 3.075
    3) Sete Gibernau (Spa/Honda) 4.344
    4) Carlos Checa (Spa/Yamaha) 4.953
    5) Shinya Nakano (Gia/Yamaha) 5.003
    6) Tohru Ukawa (Gia/Honda) 20.587
    7) Makoto Tamada (Gia/Honda) 22.982
    8) Alex Barros (Bra/Yamaha) 24.989
    9) Nicky Hayden (Usa/Honda) 27.159
    10)Troy Bayliss (Aus/Ducati) 30.376

    Classifica mondiale delle Moto Gp dopo 6 prove
    1) Valentino Rossi (Ita) 135 punti
    2) Sete Gibernau (Spa) 88
    3) Max Biaggi (Ita) 85
    4) Loris Capirossi (Ita) 61
    5) Alex Barros (Bra) 54
    6) Tohru Ukawa (Gia) 52
    7) Troy Bayliss (Aus) 46
    8) Shinya Nakano (Gia) 44
    9) Makoto Tamada (Gia) 34
    10)Carlos Checa (Spa) 34.

    250. Manuel Poggiali, dominatore della categoria, si ferma per guasto meccanico al tredicesimo giro e, cos, per la prima volta, vince il "selvaggio" francese Randy De Puniet, un altro giovane pieno di classe. Secondo l'altro idolo locale Fonsi Nieto e terzo l'australiano West. Quarto posto, in rimonta, per l'altro spagnolo Toni Elias. Solo sesto Battaini e ancora dietro Rolfo che avrebbe potuto trarre vantaggio dal ritiro di Poggiali. Le prime quattro sono tutte Aprilia. Quinto il giapponese Matsudo con la Yamaha.

    Gara un po' monotona. L'unico colpo di scena, purtroppo, l'uscita di Poggiali che era terzo nel trenino di testa con De Puniet e Nieto. Di l in poi, il francese andato davanti e, solo negli ultimi giri Nieto si avvicinato abbastanza da dare la sensazione di poter far qualcosa. Ma De Puniet ha retto bene e ha conquistato il suo primo trionfo mondiale.

    Grande ammucchiata ai vertici mondiali. Con Poggiali che tiene la testa della classifica (88 punti) e tre uomini insieme a quota 81: Elias, Nieto e De Puniet. Quinto Rolfo con 76.

    Ordine d'arrivo della classe 250
    1) Randy De Puniet (Fra/Aprilia) 41'59.893
    2) Fonsi Nieto (Spa/Aprilia) a 0.244
    3) Anthony West (Aus/Aprilia) 2.641
    4) Toni Elias (Spa/Aprilia) 4.329
    5) Naoki Matsudo (Gia/Yamaha) 7.896
    6) Franco Battaini (Ita/Aprilia) 11.432
    7) Sebastian Porto (Arg/Honda) 11.883
    8) Sylvain Guintoli (Fra/Aprilia) 15.761
    9) Roberto Rolfo (Ita/Honda) 24.270
    10)Joan Olive (Spa/Aprilia) 29.370

    Classifica mondiale dopo 6 prove
    1) Manuel Poggiali (Rsm) 88 punti
    2) Toni Elias (Spa) 81
    3) Randy De Puniet (Fra) 81
    4) Fonsi Nieto (Spa) 81
    5) Roberto Rolfo (Ita) 76
    6) Franco Battaini (Ita) 58
    7) Anthony West (Aus) 53
    8) Sebastian Porto (Spa) 53
    9) Naoki Matsudo (Gia) 53
    10)Sylvain Guintoli (Fra) 42.


    125. Lo spagnolo Daniel Pedrosa (Honda) trionfa dopo una bellissima gara a eliminazione a nove. Ed una sconfitta per l'Aprilia che ne aveva sei nel gruppo di testa e deve cedere anche il secondo posto allo svizzero Thomas Luthi (un altro giovanissimo), pure lui con la moto giapponese. Terzo il sammarinese Alex De Angelis (Aprilia) che, a pochi giri dalla fine sembrava in grado di farcela. Costretto al ritiro Lucio Cecchinello che vede Pedrosa sfuggirgli nella lotta per il titolo mondiale.

    Lottano in 9 (e poi in sette, in cinque e, alla fine, restano in quattro) tra spettacolari sorpassi, cambi al vertice e staccate impressionanti, per tutti i 22 giri. In testa si danno il cambio Cecchinello, Pedrosa, Nieto, l'azzurro Andrea Dovizioso, l'australiano Stoner (che esce al nono giro), De Angelis, Luthi, lo spagnolo Barbera e il tedesco Jankner. Tutti su Aprilia tranne Dovizioso, Pedrosa e Luthi.

    Al dodicesimo giro Cecchinello va lungo, riesce a restare in piedi e ad accodarsi, ma poi costretto al ritiro. Al sedicesimo volano Barbera e Dovizioso che si fa male alla clavicola e viene portato via in barella. La faccenda sembra restringersi a De Angelis, Nieto e Pedrosa. Ma il giovane Pablo (figlio d'arte) cade e Luthi, a un giro dalla fine, riesce a mettere la testa davanti. Pedrosa, per, lo passa con una staccata da manuale e va a vincere con merito. Pubblico spagnolo in visibilio.

    De Angelis (come del resto Dovizioso) d la sensazione che la prima vittoria sia ormai a portata di mano. Buono il quinto posto di Stefano Perugini che apparso in ripresa.

    Ordine d'arrivo della classe 125
    1) Daniel Pedrosa (Spa/Honda) 41'16.672
    2) Thomas Luthi (Svi/Honda) a 0.137
    3) Alex De Angelis (Rsm/Aprilia) 0.315
    4) Steve Jenkner (Ger/Aprilia) 1.589
    5) Stefano Perugini (Ita/Aprilia) 19.874
    6) Jorge Lorenzo (Spa/Derbi) 22.560
    7) Mika Kallio (Fin/Honda) 22.647
    8) Gino Borsoi (Ita/Aprilia) 22.856
    9) Gabor Talmacsi (Ung/Aprilia) 22.916
    10)Roberto Locatelli (Ita/KTM) 23.415


    Classifica mondiale dopo 6 prove
    1) Daniel Pedrosa 116 punti
    2) Lucio Cecchinello (Ita) 91
    3) Steve Jenkner (Ger) 73
    4) Andrea Dovizioso (Ita) 67
    5) Stefano Perugini (Ita) 65
    6) Alex De Angelis (Rsm) 53
    7) Youichi Ui (Gia) 51
    8) Pablo Nieto (Spa) 47
    9) Mirko Giansanti (Ita) 40
    10)Thomas Luthi (Svi) 39.

    (15 giugno 2003)

    Speciale su ducati.it:

    http://www.ducati.com/it/racing/home...l?newsId=14069

    LuVi
    v i r z :: LuVi ph :: Appennino.tv

  • #2
    Scusate, me lo chiudo da solo.. ho sbagliato sezione ed doppio!!!

    LuVi
    v i r z :: LuVi ph :: Appennino.tv

    Commenta

    Sto operando...
    X