annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Crossover passivi di linea...

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Crossover passivi di linea...

    I crossover passivi di linea non sono altro che dei crossover classici che pero' vengono collegati sul segnale di linea prima di essere amplificati.
    Quali sono i vantaggi/svantaggi nell'adottare questo tipo di
    crossover soprattutto quando si adottano pendenze superiori a 6dB/otc?
    ARVICE tu cosa ci potresti dire al riguardo?

    Saluti curiosi,
    Gigi

  • #2
    letto per caso

    ciao ho letto per caso,la domanda che mi hai fatto ti ringrazio per la fiducia che anche tu riponi in me,la variabili sono talmente tante da prendere in considerazione che dovrei scriverti un papiro,ma visto che mi hai scritto per evere un consiglio ,posso dirti di farti dare la mia e.mail da papy oppure di guardare sul forum la mia mail ti scrivero' un paio di consigli,e magari qualcosa inerente i cross. ok ciao e grazie per la fiducia,i cross a mio parere sono la cosa piu difficile da realizzare.....troppe variabili,non facilmente superabili e non facilmente ottimizzabili con strumenti,meglio un buon orecchio.ciao
    ambaradan

    Commenta


    • #3
      Ti rispondo io dal profondo della mia ignoranza, avevo letto qualcosa a riguardo su ACS qualche tempo fa, quello che mi ricordo era che il fatto di usare xover passivi in linea permetteva in pratica di avere i vantaggi della multiamplificazione senza avere i problemi tipici dei xover attivi (da bravo studente-audiofilo-minimalista ritengo che ogni volta che c'e' qualcosa che pesca corrente c'e' sempre un decadimento qualitativo).
      Gli svantaggi pero' ci sono eccome, inanzitutto si lavora con tensioni davvero ridicole e le tolleranze sono minime, per di piu' andiamo a ridurre ulteriormente la tensione inserendo componenti passivi (se andassimo a mettere un amplificatore di linea tanto varrebbe prendersi un xover attivo)
      Questo e' quello che vagamente mi ricordo e potrei (probabile, molto probabile) aver scritto delle castronerie.

      Saluti

      Agony is the script for my requiem

      Commenta


      • #4
        Re: letto per caso

        Originally posted by arvice
        ti scrivero' un paio di consigli,e magari qualcosa inerente i cross.

        i cross a mio parere sono la cosa piu difficile da realizzare.....troppe variabili,non facilmente superabili e non facilmente ottimizzabili con strumenti,meglio un buon orecchio.ciao
        e chi e' Gigi, il piu' bello?
        A parte gli scherzi, vorrei anch'io (ma penso un po' tutti) avere delucidazioni approfondite in merito, per cui se pubblichi qualcosa potresti fare cosa gradita.

        Sono d'accordo con te sul fatto che il crossover sia la cosa piu' difficile dell'impianto, non concordo sul rapporto strumenti/orecchio. Penso che lo strumento ti possa dare la strada giusta dove lavorare e l'orecchio ti permetta di affinare la cosa, ma l'uno senza l'altro (anche a fattori invertiti) provocano un lavoro malfatto

        Ciao
        ICQ 3037778
        Chi unza-unza danneggia anche te, digli di smettere

        Commenta


        • #5
          per luca

          ti devo purtroppo smentire in modo molto duro!!!!scherzo
          ti posso assicurare,ma non solo io te lo assicuro ,che molte volte apparecchi dalleprestazioni da limiti strumentali,poi ad orecchio risultano mal suonanti e non poco.altre volte molti apparecchi dalle prestazioni strumentali incredibilmente disastrose,si sono rilevate poi ad orecchio ,musicali,tanto musicali.per quanto riguarda una mia idea sui crossower ti posso dire che gran parte di un bel suono dipende da questi,il problema e che i cross.risultano una cosa difficilissima da ottimizzare purtroppo!
          ambaradan

          Commenta


          • #6
            Stiamo parlando di cose diverse, forse io ho interpretato male le tue parole.
            Io mi riferivo ai crossover passivi che penso siano la cosa piu' difficile da fare in assoluto in un impianto car.
            Penso che senza l'ausilio di opportuna strumentazione che vada ad ascoltare cio' che succede in macchina, l'orecchio umano non riesca (a parte rari sensibilissimi casi) a capire esattamente che sta succedendo.
            Invece se parliamo di elettroniche non posso piu' dire niente, sono abbastanza profano in cio'.
            Sto addirittura diventando matto a capire come tirare fuori l'uscita digitale dalla mia prossima radio...
            ICQ 3037778
            Chi unza-unza danneggia anche te, digli di smettere

            Commenta


            • #7
              Re: letto per caso

              Messaggio originariamente postato da arvice
              ciao ho letto per caso,la domanda che mi hai fatto ti ringrazio per la fiducia che anche tu riponi in me,la variabili sono talmente tante da prendere in considerazione che dovrei scriverti un papiro,ma visto che mi hai scritto per evere un consiglio ,posso dirti di farti dare la mia e.mail da papy oppure di guardare sul forum la mia mail ti scrivero' un paio di consigli,e magari qualcosa inerente i cross. ok ciao e grazie per la fiducia,i cross a mio parere sono la cosa piu difficile da realizzare.....troppe variabili,non facilmente superabili e non facilmente ottimizzabili con strumenti,meglio un buon orecchio.ciao
              Io invece ti ringrazio per la disponibilita', inoltre credo che molti argomenti siano di interesse comune, soprattutto quando si parla di strade da percorrere che sono sconosciute anche da molti pseudo-installatori.
              E' credo che la strada da percorrere per migliorare e sperimentare sia quella di unire tutte le proprie esperienze e conoscenze cosi' da poter superare piu'facilmente almeno gli ostacoli piu' banali e concetrarsi su altri aspetti. In fondo quello che cerchiamo e' la corretta risproduzione di un evento sonoro e per raggingerla siamo tutti disposti a scendere a compromessi. Se qualcuno ci aiuta nel cammino possiamo crescere insieme e magari percorrere nuove strade che nessuno magari ha affrontato precedentemente semplicemente perche' senza la collaborazione di piu' persone sarebbe stato troppo complicato seguirle. Oppure c'e chi l'ha seguita ma non vuole(forse giustamente) mettere a disposizione di tutti le socperte che ha fatto perche' sono diventati dei "segreti professionali"
              Il discorso relativo ai crossover e' molto complesso e cvariegato e quello di cui chiedo ulteriori informazioni non e' altro che una delle tante varianti che solo pochi sonoin grado di sfruttare per ottenere nel modo piu' semplice i migliori risultati senza l'utilizzo di processori che seppur di buona qualita' alterano il contenuto originale del messaggio musicale.

              P.S.Spero di poterti magare incontrare in qualche circostanza e scambiare quattro chiacchiere dal vivo.

              Saluti bensuonanti.
              Gigi

              Commenta


              • #8
                Re: per luca

                Messaggio originariamente postato da arvice
                ti devo purtroppo smentire in modo molto duro!!!!scherzo
                ti posso assicurare,ma non solo io te lo assicuro ,che molte volte apparecchi dalleprestazioni da limiti strumentali,poi ad orecchio risultano mal suonanti e non poco.altre volte molti apparecchi dalle prestazioni strumentali incredibilmente disastrose,si sono rilevate poi ad orecchio ,musicali,tanto musicali.per quanto riguarda una mia idea sui crossower ti posso dire che gran parte di un bel suono dipende da questi,il problema e che i cross.risultano una cosa difficilissima da ottimizzare purtroppo!
                [B]
                Caio Arvice
                Vorresti per caso farci intendere che sei in grado di realizzare un filtro crossover per un sistema tre vie senza l'ausilio di nessuno strumento di misura?.
                Non ti interessa conoscere ad esempio........i parametri degli AP?
                Quelli sono misurati con degli strumenti.
                Se invece intendi dire che il calcolo matematico per stabilire i componenti passivi da utilizzare per il filtro non attendibile, in quanto considera gli Ap come carico resistivo, allora posso anche essere d'accordo.
                Ma personalmente credo che un buon orecchio abbinato a strumenti di rilevazione misure ed analizzator di spettro posso aiutare ad ottenere un risultato superiore in tempi minori.
                ............e pensare che in B&W utilizzano gli interfonometri a raggio laser per controllare il movimento della membrana del TW..........che stupidi )
                Salutini Salvatore Scognamiglio
                Responsabile ATELIER HI FI
                Via Gianturco Emanuele 31/C int. 28
                80146 NAPOLI
                ICQ 59727688
                Tel. centro 0817340938
                E-Mail salscog@tin.it
                My Web Site www.atelierhifi.it

                Commenta


                • #9
                  Re: Re: per luca

                  Messaggio originariamente postato da Salvatore
                  [B]
                  Caio Arvice
                  Vorresti per caso farci intendere che sei in grado di realizzare un filtro crossover per un sistema tre vie senza l'ausilio di nessuno strumento di misura?.
                  Non ti interessa conoscere ad esempio........i parametri degli AP?
                  Quelli sono misurati con degli strumenti.
                  Se invece intendi dire che il calcolo matematico per stabilire i componenti passivi da utilizzare per il filtro non attendibile, in quanto considera gli Ap come carico resistivo, allora posso anche essere d'accordo.
                  Ma personalmente credo che un buon orecchio abbinato a strumenti di rilevazione misure ed analizzator di spettro posso aiutare ad ottenere un risultato superiore in tempi minori.
                  ............e pensare che in B&W utilizzano gli interfonometri a raggio laser per controllare il movimento della membrana del TW..........che stupidi )
                  Il mio istallatore quando ha fatto il mio Xover a due vie andato sul PC ad inserire alcuni dati, ha visto che cosa ne veniva fuori e ha iniziato a smanettare con i Xover.

                  Ho dato un'occhiata e sullo schermo apparivano gli incroci, le pendenze e il tipo di filtro (nomi strani...)

                  Dopo diversi ascolti e sostituzioni varie finalmente ha tirato fuori l'analizzatore di spettro...

                  Ero incredulo quando ho visto che con il CD test la curva risultava perfettamente lineare, nessun buco o gobbe...

                  Ma che ha al posto delle orecchie :rolleyes:
                  Ex possessore di un Honda s2ooo Silver/Red (6 anni indimenticabili )
                  Svendo accessori per MGF 1.8 VVC Contattatemi via PM

                  Commenta


                  • #10
                    per salvatore e per s2kbg

                    non ho mai detto le frasi che voi avete frainteso.ho detto solo,non voglio ripetrrlo perche oggi e' il mio compleanno e mi fa incaz. quando mi si mettono in bocca frasi non mie...i crossower sono una delle cose piu difficili da ottimizzare solo con gli strumenti.questo e' il succo del discorso...con l'orecchi fai poi
                    meglio......le bmw grandi casse le vecchie 801 peccato che adesso......adesso si pensa solo a vendere..la politica commerciale...il diffusore da vendere e' quello il cui suono piace,l'essere piu o meno ferdeli alla realta' e' un optional che interessa a pochi,anzi ,spesso interessa il contrario:un suono d'effetto puo essere piu' piacevole di un suono reale! a molti questo poi non interessa vero....parlavamo di crossower.

                    ciao salvatore ....
                    ambaradan

                    Commenta

                    Sto operando...
                    X